FB LinkedIn Youtube Google+
Home > News > 5 buoni motivi per sostituire la finestra per tetti

News

venerdì 20 settembre 2019

5 buoni motivi per sostituire la finestra per tetti


5 buoni motivi per sostituire la finestra per tetti

SI CHIUDONO SE PIOVE

Le nuove finestre si chiudono da sole alle prime gocce d'acqua. Per uscire di casa senza pensieri, anche se minaccia tempesta.
E se grandina? Il vetro temprato e stratificato resiste al tempo più impetuoso. Ma qualora si rompesse, nessuno si farà male. È pensato apposta per proteggere chi vive la casa.

 

RISPARMIO ENEGETICO

VELUX propone 5 diversi tipi di vetrate isolanti, che difendono la casa dal caldo e dal freddo, così la bolletta diventa più leggera. Scegli la vetrata più adatta in base alla zona climatica in cui vivi.
 

PERSONALIZZAZIONE

Una finestra manuale può sempre diventare elettrica, una finestra elettrica può sempre diventare smart. Con tende e tapparelle si possono decorare gli ambienti e lasciare fuori il caldo e il freddo.
 

SI CONTROLLA DA SMARTPHONE

Oggi si possono gestire finestre, tende e tapparelle da smartphone grazie a VELUX ACTIVE.
Non una semplice app ma un sistema che controlla umidità, temperatura e CO2 nelle stanze per coccolarsi ogni giorno. 

 


DETRAZIONE FISCALE

Fino al 31 dicembre 2019 puoi usufruire del 50% di detrazione per la riqualificazione energetica.

 

 

A chi spetta la detrazione?

I beneficiari sono tutti i contribuenti che sostengono le spese per gli interventi di riqualificazione energetica e che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto d’intervento (persone fisiche, professionisti, società e imprese), gli inquilini, i condomini, i titolari di un diritto reale sull’immobile e chi detiene l’immobile in comodato. La detrazione spetta anche a familiari e conviventi a patto che sostengono le spese per la realizzazione dei lavori, e che fatture e bonifici risultino intestati a loro.

Quali adempimenti sono necessari?

E’ obbligatorio inviare per via telematica all’Enea, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, tutta la documentazione necessaria a seconda della tipologia di intervento  (copia dell’attestazione di certificazione o qualificazione energetica, scheda informativa degli interventi realizzati, asseverazione di un tecnico abilitato). La data di fine lavori, dalla quale decorre il termine per l’invio della documentazione all’Enea, coincide con il giorno del cosiddetto “collaudo” (e non di effettuazione dei pagamenti).

Quali interventi sono ammessi?

I lavori ammessi all’agevolazione fiscale riguardano la riqualificazione energetica di edifici esistenti e comprendono la sostituzione di finestre e infissi, l’isolamento delle pareti opache, la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione e l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda. Per ciascuna tipologia d’intervento è previsto un limite di spesa che si è ridotto rispetto alla precedente detrazione del 55%.

Come si richiede il contributo?

Per usufruire della detrazione del 50% fanno fede le date dei pagamenti che devono essere effettuati entro il 31 dicembre 2019. I pagamenti devono avvenire esclusivamente tramite bonifico bancario o postale “parlante” in cui siano chiaramente indicati la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto che paga e il codice fiscale o partita Iva di chi beneficia del pagamento. L’agevolazione va inserita nella dichiarazione dei redditi insieme ai dati catastali dell’immobile e corredata dai documenti giustificativi di spesa. Il rimborso verrà quindi ripartito equamente in dieci anni.